Mese dei Diritti Umani: Assemini parla del diritto alla felicità

5 dicembre 2017
[Red]

Il Comune di Assemini, all’interno della sesta edizione del Mese dei Diritti Umani organizza l’evento “Il diritto alla felicità. Reddito e lavoro” che si svolgerà giovedì 7 dicembre alle ore 17.00 nel Municipio di Assemini in Piazza Repubblica n°1.

Durante la serata coordinata dal direttore de Il manifesto sardo Roberto Loddo sarà presentata la graphic novel Pop Economix un fumetto di Davide Pascutti che ha curato sceneggiatura e disegni per BeccoGiallo editore. All’inizio le famiglie non se ne accorgono perché i consumi calano poco. Poi le imprese restano senza soldi perché le banche non ne prestano più. E senza soldi le imprese non possono investire, non riescono a crescere e a pagare gli stipendi. Così cominciano a tagliare, ridurre, licenziare. In quel preciso momento la crisi della finanza diventa la crisi di tutta l’economia reale. Dal crack Lehman Brothers al fallimento della Grecia: Pop Economix spiega la crisi a fumetti, in modo semplice e preciso. Uno strumento per capire l’economia e la finanza, per compiere delle scelte individuali intelligenti e consapevoli. “La base stessa della crisi sono le diseguaglianze. Oggi, di fatto, siamo lanciati verso un baratro e ci viene chiesto di accelerare.” – dall’intervista ad Andrea Baranes.

[Mese dei Diritti Umani]Alla presentazione del libro, in cui sono previsti i saluti del sindaco Mario Puddu, interverranno Nadia Lambiase Design consultant e project manager, disegna, sviluppa e gestisce progettazioni in ambito sociale, culturale ed economico (collaborazioni con Caritas Italiana e con il Social Community Theatre Centre dell’Università di Torino). Socia fondatrice e presidente di Pop Economix, associazione che promuove l’alfabetizzazione e l’informazione economica attraverso l’incontro tra teatro e giornalismo. Dottoranda presso la scuola di dottorato Innovation for the circular economy/ Università degli Studi di Torino. Ha lavorato dal 2007 al 2016 persso Banca popolare Etica. Paolo Piacenza, giornalista freelance, è tutor al Master in Giornalismo dell’Università di Torino e socio italiano dell’Online News Association dal 2009. È presidente di Publican, associazione per l’innovazione dell’informazione nata nel 2014 a Torino, con cui ha promosso, insieme ad Alessandro Cappai, il progetto Pop Journalism per la diffusione del metodo giornalistico e del fact-checking. È socio fondatore e direttore editoriale per Pop Economix, associazione che promuove l’alfabetizzazione e l’informazione economica attraverso l’incontro tra teatro e giornalismo. Ha collaborato con diverse testate di informazione (Kataweb.it, l’Unità, La Stampa, Ansa, Il Sole 24 Ore) e tra il 2007 e il 2012 ha lavorato a Radio24-Il Sole 24 Ore. Jessica Mostallino, vice sindaco di Assemini e assessore alla cultura, all’educazione allo sport e agli affari generali del Comune di Assemini; Diego Corrias Assessore al Lavoro e Sviluppo Economico; Gianfranco Sabattini già titolare della cattedra di Politica economica presso la Facoltà di Economia dell’Università di Cagliari, Bepi Vigna, fumettista, scrittore e regista italiano e Lorena Cordeddu, esperta di politiche del lavoro.

La serata coinciderà con l’inaugurazione della mostra fotografica di Roberto Pili “Nessuno deve rimanere indietro”. Le foto saranno esposte nella sala mostre del Municipio di Assemini in Piazza Repubblica n°1 dal 7 dicembre al 13 dicembre 2017 e la mostra sarà visitabile ogni giorno dalle ore 16:00 alle ore 19.00 con ingresso libero. L’appuntamento del mese dei Diritti umani ad Assemini è organizzato dall’assessorato alla cultura del Comune di Assemini, con la Cooperativa sociale “Il Giardino di Clara” e lo Studio Editoriale Typos in collaborazione con l’associazione culturale Archivio Distratto, la Libreria Edumondo, l’associazione Pamoja Onlus, il festival NUES organizzato dal centro internazionale del Fumetto, l’ASARP, la cooperativa sociale ASARP UNO (Cooperativa che gestisce la Comunità terapeutica per persone con sofferenza mentale Franca Ongaro Basaglia e i cui ospiti, insieme ai soci lavoratori della Cooperativa Il Giardino di Clara, faranno gli operatori culturali per tutte le giornate della mostra), Radio Onde Corte. Al termine della presentazione la cooperativa sociale Il Giardino di Clara – Studio Typos offriranno un buffet.

Scrivi un commento


Ciascun commento potrà avere una lunghezza massima di 1500 battute.
Non sono ammessi commenti consecutivi.


caratteri disponibili


----------------------------------------------------------------------------------------
ALTRI ARTICOLI