Stato, regione, stato sardo e federalismo interno

1 settembre 2017
[Francesco Casula]

I Principi rinascimentali prima e i sovrani assoluti poi tendono storicamente a contrapporre l’accentramento alla disseminazione del potere politico proprio del mondo feudale: tale posizione inol­tre – peraltro costante nella lunga vicenda dello Stato moderno – ­tende a negare ai cittadini qualsiasi ruolo politico e qualsiasi “po­liticità”, o, quanto meno a restringerla.

Tende cioè ad escluderlo da ogni ruolo effettivo decisionale e di potere, che non si riduca a semplice assenso o a manifestazione e rafforzamento del consenso. In questo modo la partecipazione al potere politico è solo for­male: il potere reale infatti rimane concentrato nello Stato e nei suoi apparati.

Così i Principi come i Sovrani tendono ad abolire ogni forma di politicità alternativa all’interno dei propri domini, sottraendo man mano ai signori feudali scampoli di potere per affidarli pro­gressivamente a una burocrazia stipendiata e “competente”,–  per quanto è possibile – ma comunque subalterna e dipendente dal “Centro”.

L’attribuzione del potere a una minoranza ristretta – fin dal 1300 ma soprattutto nella successiva fase di sviluppo della socie­tà e dello Stato moderno – è legata in modo particolare all’esigenza di garantire il “naturale” dispiegarsi degli scambi sul mercato e di controllare nel modo più razionale e funzionale possibile conflitti e tensioni che man mano la società capitalistica – segnatamente dopo la Rivoluzione industriale – indurrà, produrrà e accelererà.

È soprattutto da questo punto di vista che lo Stato moderno assolverà essenzialmente a una funzione del meccanismo econo­mico del capitalismo e del mercato. Lo stato italiano risorgimentale, nonostante la posizione di Cavour che avrebbe preferito il sistema anglosassone del self–gouvernement e non il modello francese napoleonico, nasce dentro tale versante, come stato unitario accentrato e centralista.

Il Fascismo porterà a più coerenti conseguenze autoritarie e centralizzatrici strumenti e tendenze che erano già abbondantemente presenti nel regime liberale, giolittiano e prefascista. Di fatto annientando le istanze “regionalistiche” che si affermano nel primo dopoguerra, in modo particolare nelle regioni meridionali (con Gaetano Salvemini e don Luigi Sturzo) ma in specie in Sardegna con la nascita e l’affermazione del Partito sardo d’azione

La Resistenza, per come nasce, si sviluppa e si svolge ha “un carattere intrinsecamente regionalistico” (Leo valiani): pensiamo ai CLN regionali o alle repubbliche partigiane. Il processo di restaurazione moderata, con l’avallo e la complicità della Sinistra – se non addirittura per sua diretta iniziativa, – spazzerà le esperienze regionalistiche.

Ma è soprattutto con il dibattito alla Costituente prima e la vittoria dei moderati nel ’48 che si affosserà definitivamente il “regionalismo” e ancor più il federalismo. A difenderlo Lussu si troverà sostanzialmente da solo: destra, sinistra e centro, in una sorta di union sacrée, lo osteggeranno del tutto.

Non a caso lo Statuto sardo che verrà concesso, nascerà debole e limitato, più simile a un gatto che a un leone, secondo la colorita espressione di Lussu. Ma c’è di più: persino i flebili miagolii del nostro gattino saranno completamente strozzati. Lo Statuto speciale infatti subirà un processo di progressi­vo svuotamento e di compressione sia dall’esterno, cioè da parte dello Stato centrale; sia dall’ interno, ovvero da parte delle forze politiche dirigenti sarde, che non sanno usare e, spesso, non vogliono utilizzare, gli stessi strumenti, possibilità e spazi che l’autonomia regionale offriva.

La Regione inoltre tenterà di riprodurre la struttura piramidale dello Stato: così al centralismo romano si aggiungerà il centralismo regionale. Con l’ingabbiamento e la marginalizzazione delle Autonomie locali e i Comuni in primis.A denunciarlo è il nostro più grande storico medievista, Francesco Cesare Casula, che scrive:” la Regione ha concentrato nell’istituto «ministerializzato» le funzioni amministrative che Costituzione e Statuto affidano alle autonomie sub-regionali. Sicchè al posto di un sistema «a stella» (sia all’interno delle Regioni sia dello Stato) si è mantenuto un sistema «a piramide»: una grande « piramide» al centro e tante piccole « piramidi», in ciascuna delle venti Regioni italiane”.

Ancora più ficcante la critica di Eliseo Spiga secondo cui la Regione sarda, non può essere considerata una istituzione di autogoverno della comunità sarda. “Non è tale – scrive Spiga – intanto, per la sua struttura organizzativa che è una misera e minuscola fotocopia dello Stato con i suoi assessori come ministeri e il suo accentramento politico-burocratico nel capoluogo cagliaritano. E non lo è perché la Regione non ha un reale rapporto giuridico con i Comuni, rimasti nella sostanziale dipendenza dello Stato, perché la Sardegna continua ad essere presidiata dai prefetti, che sono il simbolo oltre che lo strumento del centralismo statale; e infine perché deve coabitare forzosamente con le succursali provinciali dei Ministeri romani, pronti a pascolare anche abusivamente nei territori regionali”.

Bene: lo Stato sardo indipendente, cui corpose e  importanti porzioni della società isolana sembrano guardare viepiù con interesse e simpatia, a mio parere deve essere il più dissimile possibile dallo stato italiano e dalla stessa regione sarda che storicamente abbiamo conosciuto. E non solo per quanto attiene al “centralismo”, o all’intreccio e alla confusione fra attività di governo e attività di amministrazione e gestione, (che comunque non è casuale: serve infatti a trasformare gli Assessorati in veri e propri califfati con cui creare consenso attraverso il clientelismo); ma per quanto riguarda il superamento di una democrazia meramente rappresentativa, istituzionale e istituzionalista, per dare luogo a una democrazia partecipativa e partecipata. O, se si preferisce: a una democrazia, diretta, di base. Dal basso. Anche sulla scia di Emilio Lussu secondo cui occorreva “sviluppare, esprimere e sprigionare le capacità e le forze alla base della società civile”. Il disegno di uno Stato sardo con questa ispirazione non emerge neppure dalla proposta, , “Sulla Carta pro sa Repùbblica de Sardigna” elaborata del Partito dei Sardi.

Anzi è sostanzialmente assente. Come acutamente ha rilevato Antonio Dessì, gia valente Assessore regionale all’Ambiente, che in una nota in proposito scrive :”La configurazione dello Stato sardo poi è davvero molto lontana dal prefigurare una democrazia di popolo. Inesistente la garanzia della distribuzione della sovranità e del potere interno verso il basso, limitato il richiamo agli istituti di democrazia diretta, blandissima la definizione del ruolo delle autonomie locali”.

Scrivi un commento


Ciascun commento potrà avere una lunghezza massima di 1500 battute.
Non sono ammessi commenti consecutivi.


caratteri disponibili


----------------------------------------------------------------------------------------
ALTRI ARTICOLI