La Grecia lotta per liberarsi dal debito

12 maggio 2016
0301_alexis-tsipras_1260
Argiris Panagopoulos
Probabilmente la parola “χρεος”, che vuol dire “debito”, sarà la prossima che passerà nel vocabolario europeo dopo SYRIZA, Tsipras e oxi.

Continua »

Grazie Marco Ligas, difendiamo il manifesto sardo e rafforziamolo

7 maggio 2016
Pintor
Roberto Loddo

Grazie è la prima parola che mi viene in mente pensando allo straordinario lavoro del fondatore Marco Ligas alla direzione dei nostri primi 214 numeri del manifesto sardo. Marco ha il merito di aver dimostrato con dieci anni di pubblicazioni la necessità di una voce collettiva che faccia ricerca su tutte le forme di disuguaglianza e al tempo stesso indichi soluzioni credibili e praticabili. Continua »

Il numero 214

1 maggio 2016

Una ricorrenza importante e un’esigenza di rinnovamento (Marco Ligas), Contorni: Due o tre cose sul linguaggio umano (Giulio Angioni), Venne Maggio (Gianni Loy), La crisi della sanità pubblica in Sardegna e l’ombra di private finance initiative (Claudia Zuncheddu), La legge e l’inganno (Umberto Romagnoli), Il progressivo arretramento del sistema Italia (Gianfranco Sabattini), Tsipras mette alla prova il neoliberismo sull’austerità (Argiris Panagopoulos), L’ex Manifattura deve restare alla cultura (Red), La civiltà rottamata (Appello della sinistra europea), Il condono edilizio abusivo della Regione Sardegna (Stefano Deliperi), Blockupy va a Parigi e Nuit Debout! (Red), Nuoro dice No alla riforma Renzi Boschi Verdini (Graziano Pintori), Leopardi e la luna di Gianni Mascia (Maurizio Ciotola), Un delitto fatto bene (Giovanni Dettori).

Buona lettura e buon primo maggio

Con questo numero festeggiamo i nostri primi 10 anni!

Una ricorrenza importante e un’esigenza di rinnovamento

1 maggio 2016
manifesto sardo
Marco Ligas

Con la pubblicazione del numero 214 raggiungiamo un traguardo importante: l’inizio del decimo anno di vita del Manifesto sardo. Non saremo sinceri se non dicessimo che si tratta di un obiettivo rilevante, frutto di un lavoro costante e di gruppo Continua »

Presentazione edizione nazionale delle opere di Gramsci

1 maggio 2016
locandina_16_05_11
Redazione

Il Dipartimento di Storia, beni culturali e territorio e la Fondazione-Istituto Gramsci presenteranno il prossimo 11 maggio presso il Polo umanistico dell’ Università di Cagliari (Piazza d’Armi), Aula 1b di Psicologia, ore 16, il volume Antonio Gramsci, Scritti, 2 1917, Roma 2015. Continua »

Contorni: Due o tre cose sul linguaggio umano

1 maggio 2016
dipinto-quadro-danza-alla-gioia-337_LARGE
Giulio Angioni

È lunga la storia delle invasioni reciproche tra ambiti del vivere variamente individuati, variamente dislocati e variamente gerarchizzati. Invasioni che provocano reazioni uguali e contrarie Continua »

Renzi-Verdini, oltre il Nazareno

1 maggio 2016
renzi-verdini-1000x600
Luigi Ambrosio

L’ultimo dossier importante prima della fine della legislatura è la riforma della Giustizia. Le intercettazioni, i tempi della prescrizione e la durata dei processi. Non è un caso che Denis Verdini, al termine dell’incontro con la delegazione del Partito democratico alla Camera, abbia parlato proprio della Giustizia Continua »

La mamma di Peppino Impastato: Felicia è una donna straordinaria

1 maggio 2016

20041207 - PALERMO - CRO - MAFIA: MORTA LA MADRE DI PEPPINO IMPASTATO - Un'immagine d'archivio di Felicia Impastato, madre di Peppino (nel ritratto), il militante di Democrazia Proletaria ucciso su ordine del boss Tano Badalamenti, morta stamani nella sua casa di Cinisi. MIKE PALAZZOTTO/ANSA-ARCHIVIO/TO

Piero Bosio

“Felicia Impastato è stata una piccola, grande siciliana, una combattente vera, con un sguardo fiero ed estremamente femminile Continua »

Tsipras: Abbiamo salvato pensioni e case, ora affrontiamo il debito per uscire dalla crisi

1 maggio 2016
tsipras
Alexis Tsipras

Il discorso di Tsipras ai deputati di SYRIZA: Abbiamo salvato pensioni e case, ora affrontiamo il debito per uscire dalla crisi. Abbiamo salvato le pensioni e la prima casa, protetto i deboli e passato il conto ai più ricchi, ma ora dobbiamo portare il paese fuori dalla crisi, ha detto Tsipras ai suo deputati prima del dibattito parlamentare e la votazione della riforma fiscale e delle pensioni la domenica e la difficile riunione dell’Eurogruppo di lunedì, mentre Fmi e Germania cercano di ostacolare l’apertura della discussione sul debito greco. Continua »

Democrazia dell’onnipotenza

1 maggio 2016
J3XVGOIZ1608-k01G-U1040482122098iaE-640x320@LaStampa.it
Luigi Ferrajoli
Dobbiamo decidere non tanto se vogliamo la Costituzione del ’48 a causa del suo prestigio e del suo valore simbolico, ma dobbiamo decidere tra democrazia parlamentare e sistema sostanzialmente autocratico, monocratico, che non è una questione di forma.

Continua »

Venne Maggio e fu speranza

1 maggio 2016
Fluminimaggiore, pittura murale
Gianni Loy

“Venne Maggio” e fu speranza, cantava Ivan Della Mea negli anni delle barricate, negli anni di una lotta che, ammoniva, va vissuta, e non cantata Continua »

Esercizi di disegno libero. Mostra di Veronica Paretta

1 maggio 2016
13177941_10209724784942524_1282351300674263733_n
Red

Dal 27 maggio al 29 maggio al circolo culturale La Marina – T. Sankara in Via Napoli 62 a Cagliari si svolgerà la mostra personale di Veronica Paretta, a cura di Ilaria Medda “Esercizi di disegno libero“. L’inaugurazione si svolgerà alle ore 19.00 il 27 maggio. Dopo l’opening di Venerdì sera, la mostra sarà visitabile solo Sabato e Domenica dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00. L’ingresso è gratuito.

Continua »

La crisi della sanità pubblica in Sardegna e l’ombra di private finance initiative

1 maggio 2016
ospedale
Claudia Zuncheddu

Il Governo Renzi a Roma e Pigliaru in Sardegna, per la privatizzazione del sistema sanitario pubblico, adottano le strategie standard già sperimentate in altri Paesi europei per consegnare il servizio pubblico alle multinazionali della sanità privata Continua »

Donbass: da che parte stare?

1 maggio 2016
Snizhne, Ukraine. Le 16/07/14. Le 15 juillet 2014, un immeuble de la petite ville de Snizhne a ete bombarde par un tir de missile provenant d'un avion ukrainien. 11 civils sont morts. ©Capucine Granier-Deferre

Snizhne, Ukraine. Le 16/07/14. Le 15 juillet 2014, un immeuble de la petite ville de Snizhne a ete bombarde par un tir de missile provenant d’un avion ukrainien. 11 civils sont morts. ©Capucine Granier-Deferre

Valerio Evangelisti

Di norma, chi si trova a sostenere i ribelli del Donbass viene accusato di essere a favore di Putin, o addirittura di filofascismo. Continua »

No alla democrazia dimezzata

1 maggio 2016
Costituzione
Comitato dei cattolici del no

Nella primavera del 2006, in vista del referendum di giugno sulla nuova Costituzione proposta dal governo di centrodestra di Silvio Berlusconi, numerose riviste cattoliche e cristiane pubblicarono un appello per il NO al sovvertimento costituzionale Continua »

Senato, dieci piccoli debunking

1 maggio 2016

 

Maria-Elena-Boschi-VF-16-2014_980x571
Alessandro Gilioli*

Al referendum si vota per abolire il Senato».

Falso. Il Senato, seppur ridotto di poteri e per numero di senatori, continuerà a esistere, nello stesso Palazzo in cui si trova. Sembra ovvio, ma solo pochi giorni fa una tivù nazionale ha mostrato un cartello secondo il quale si sarebbe votato «per abolire il Senato». Lo stesso Renzi oggi a Firenze ha detto testualmente che «non esisteranno più i senatori», un’evidente falsità Continua »

Nuove elezioni in Spagna. La sinistra si unisce

1 maggio 2016
FB_IMG_1461273123581
Ramon Mantovani

Podemos, Izquierda Unida e la formazione ecologista Equo hanno raggiunto un accordo per presentarsi uniti alle elezioni anticipate del 26 giugno Continua »

Le morti ignorate nelle transumanze umane del mare

1 maggio 2016
Profughi
Claudio Cossu

Ormai i media non si occupano più del naufragio di quei quattrocento migranti disperati, partiti dalla Libia, ora se ne ha certezza, ma la cosa non riveste alcuna importanza Continua »

Premio Carlo Magno e papa Francesco

1 maggio 2016
Papa Francesco durante l'udienza generale del mercoledìGuido Viale

L’establishment dell’Europa che conta, quasi al completo, è andato in Vaticano a farsi prendere a schiaffi (cristiani) da papa Francesco Continua »