La Sardegna che resiste

1 Marzo 2019
[Graziano Pintori]

Pubblichiamo l’intervento di Graziano Pintori, presidente provinciale dell’Anpi, letto durante la giornata l’Italia che resiste, tenutasi il 2 febbraio scorso a Nuoro.

C’è un verbo a cui l’Anpi è particolarmente affezionata: Resistere. E’ stato il verbo dei partigiani, è il verbo dell’antifascismo. E’ il verbo di chi ha coraggio, di chi è umile ma non accetta umiliazioni. Noi, qui, tutti noi, siamo qui perché non vogliamo essere umiliati; siamo umani e vogliamo continuare a essere tali. Perciò, per noi, resistere significa respingere chi vorrebbe umiliarci, per nome e per conto di chi chiude i porti e fa leva sulla paura per espellere stranieri e promulgare leggi liberticide.

Resistere per noi significa intraprendere una nuova Resistenza. Le lancette del disastro ambientale sono ferme sull’orlo del precipizio: due minuti e mezzo prima dell’ora fatale. E’ di questo che il genere umano dovrebbe occuparsi e preoccuparsi per resistere e fare resistenza a chi detiene le sorti del pianeta, ossia ai padroni dell’energia e ai signori delle guerre. Invece, siamo costretti ad occuparci di altri temi che ci distolgono dal grande e grave problema del disastro ambientale.

Infatti, siamo qui per respingere le politiche anti umanitarie del governo. Siamo qui per resistere. Resistere per difendere la qualità e il valore della democrazia; Resistere perché crediamo sull’equità, sull’inclusione, sul sapere; Resistere per ridurre drasticamente il divario tra ricchi e poveri; Resistere per ridurre le disuguaglianze e la vulnerabilità delle persone povere, straniere, emarginate. Resistere contro chi vuole ampliare il divario tra regioni ricche e regioni povere; Resistere per frenare la dispersione scolastica e garantire l’accesso all’educazione e alla formazione per tutti, indistintamente; Resistere per i diritti fondamentali dei migranti, richiedenti asilo e rifugiati; Resistere alla tirannide del debito pubblico; Resistere alla tirannide del denaro e della speculazione finanziaria; Resistere perché vogliamo vivere per lavorare, non lavorare per vivere (o sopravvivere).

Resistere alle tecnocrazie che favoriscono le disuguaglianze e la distruzione del lavoro per accumulare facili e incommensurabili quantità di denaro; (lo sterco del diavolo, lo definirebbe il papa) Chiudo con una citazione di Leone Ginzburg estrapolata dalla prefazione a Guerra e Pace di Tolstoj, in cui sottolinea la differenza tra i vari personaggi: Ci sono quelli condannati a recitare una parte non scritta da loro, anche se tutti s’immaginano di improvvisarla e vivere all’istante; Gli altri, sono quelli che amano, soffrono, sbagliano, si ricredono, cioè, in una parola, sono quelli che vivono. Sono i personaggi umani. La guerra è il mondo degli inumani, la pace è il mondo umano. Noi siamo qui perché siamo Umani! Restiamo Umani! Restiamo uniti nella nuova Resistenza!

Scrivi un commento


Ciascun commento potrà avere una lunghezza massima di 1500 battute.
Non sono ammessi commenti consecutivi.


caratteri disponibili


----------------------------------------------------------------------------------------
ALTRI ARTICOLI