Archivio della Categoria 'Inchieste'

Rivoluzione passiva, Colpo di Stato e sovversivismo reazionario nella storia del Brasile

martedì 1 Dicembre 2015
12342521_1066412293389075_3762863498971628588_n
Redazione

Rivoluzione passiva, Colpo di Stato e sovversivismo reazionario nella storia del BrasileCiclo di seminari Gramsci nel mondo è il titolo di un seminario che si svolgerà Mercoledì 16 dicembre nell’aula magna via Sant’Ignazio 78 a Cagliari, organizzato dal Laboratorio di studi internazionali gramsciani condotto dal prof. Anderson Deo del Dipartimento di Scienze politiche ed economiche della Universidade Estadual Paulista di Marília (SP/Brasil) con introduzione del prof. Gianni Fresu. Seminario organnizzato in collaborazione con l’associazione culturale Antonio Gramsci di Cagliari e la Biblioteca popolare Albero del riccio. (altro…)

La poca voglia di gestire bene i demani civici in Sardegna

domenica 1 Novembre 2015
burocrazia-puibblica-amministrazione
Stefano Deliperi

Passano gli anni, cambiano le Amministrazioni regionali, eppure in Sardegna continua il colpevole disinteresse verso la corretta gestione di circa un quinto dell’Isola. I demani civici sardi e i diritti delle relative collettività locali rimangono alla mercè dei tanti interessi particolari e degli abusi. Perché? Proviamo a vedere gli ultimi sviluppi. (altro…)

Il Sulcis tra passato e futuro

venerdì 16 Ottobre 2015
storia10
Marco Ligas

Con questo articolo riprendiamo una riflessione sul tema “Lavoro e riordino delle attività produttive”. Partiamo dal Sulcis ma siamo consapevoli che questa questione riguarda anche altri territori della Sardegna. Ci proponiamo pertanto di estendere le analisi e invitiamo i nostri lettori a partecipare al dibattito. (altro…)

Messico: dalla narcoguerra alla militarizzazione

venerdì 16 Ottobre 2015
michoacan_22jul_800-movil
Irene Masala

Il distretto messicano di Michoacán è stato completamente militarizzato: più di mille soldati sono stati dislocati in sei municipi, più di 500 agenti dell’esercito sono arrivati lo scorso sabato nei municipi di Zitácuaro, Huetamo e Los Reyes come parte della terza operazione congiunta annunciata il primo ottobre. (altro…)

Un altro giorno di lutto per i palestinesi

giovedì 15 Ottobre 2015
Mu'taz Zawahreh (27) killed by IOF on Tuesday, Bethlehem foto PNN
Nicole Argenziana

Un ragazzo di 20 anni, Basil Bassam Ragheb Sidr, è stato ucciso a Damascus Gate nella città vecchia di Gerusalemme. Le autorità israeliane affermano che il ragazzo avrebbe tentato un attacco con un coltello senza successo, dato che la polizia lo ha immediatamente colpito a morte. (altro…)

Una giornata di rabbia

martedì 13 Ottobre 2015
gaza-5-palestinesi-uccisi-da-israeliani_138e7f00-6e93-11e5-b049-6b7f8e48ef22_new_rect_large
Nicole Argenziana

In questa giornata di rabbia il bilancio fino ad ora vede 3 israeliani rimasti uccisi in diversi attacchi e due palestinesi freddati dalla polizia (altro…)

Numero dei morti 26

lunedì 12 Ottobre 2015
jewish-settlers-are-evil
Nicole Argenziana

Altri 3 morti a Gerusalemme. A Lion’s Gate Mustafa Adel al-Khatib di 18 anni, morto perché avrebbe tentato di accoltellare un poliziotto di frontiera. Qualche ora dopo una ragazza di 15 anni è stata seriamente ferita presso la centrale di polizia a Sheikh Jarrah, l’accusa è di aver attentato alla vita di due israeliani. Un altro ragazzo è stato appena ucciso dopo aver seriamente ferito due israeliani nella colonia illegale di Pisgat Zeev a Gerusalemme Est a quanto dicono le autorità israeliane. Aveva 13 anni. (altro…)

Bimba di due anni uccisa a Gaza

domenica 11 Ottobre 2015
gaza-disegno
Nicole Argenziana

Stamattina Israele ha mietuto altre due vittime innocenti. Una bomba sganciata a Gaza City ha ucciso una donna incinta di cinque mesi, Nour Rasmi Hassan e la sua figlioletta di 2 anni, Rahaf Yahya Hassan. La rabbia dei palestinesi è esplosa in tutta la sua forza e i morti alimentano la fiamma della rivolta. (altro…)

Ancori morti in Cisgiordania e a Gaza

sabato 10 Ottobre 2015
DSCN0669
Nicole Argenziana

Siamo ormai al decimo giorno di scontri in tutta la Cisgiordania. Il numero dei morti palestinesi è salito a 20, circa 1000 sono stati feriti mentre da parte israeliana i morti sono 4 e i feriti una decina (altro…)

Israeliani, palestinesi due pesi due misure

venerdì 9 Ottobre 2015
DSCN0538
Nicole Argenziana

Ieri sera è stato freddato con un colpo al cuore Wissam Faraj. Wissam aveva vent’anni e viveva nel campo profughi di Shufat a nord di Gerusalemme (altro…)

Ancora scontri in Cisgiordania

giovedì 8 Ottobre 2015
Hebron-
Nicole Argenziana

Il manifesto sardo in queste ore e nei prossimi giorni pubblicherà tutti gli aggiornamenti in tempo reale inviati dalla nostra collaboratrice in Palestina Nicole Argenziana a seguito degli scontri in Cisgiordania. (Red)

(altro…)

Abded

mercoledì 7 Ottobre 2015

A man kisses 13-year-old Palestinian Abdel Rahman Shadi in a morgue in the town of Bethlehem, West Bank, Monday, Oct. 5, 2015. Shadi died after being hit by a live bullet to the chest during clashes between Palestinians and Israeli security forces, a doctor at a hospital near the clashes said. (AP Photo/Mahmoud Illean)

Nicole Argenziana

Scuole e negozi riaprono a Betlemme, dopo che ieri si è celebrato il funerale di Abded al-Rahman Shadi Obeidallah. Abded Rahman aveva solo tredici anni ed è stato ucciso dai soldati israeliani con ancora la divisa scolastica mentre tornava a casa, nel campo profughi di Aida, a Betlemme. (altro…)

Israele, il diritto allo studio come strumento di discriminazione

giovedì 1 Ottobre 2015
12060040_10153644236953320_1408489685_o
Irene Masala

Il personale di 47 scuole cristiane palestinesi in Israele ha indetto uno sciopero, iniziato i primi di settembre e durato un paio di settimane, per denunciare il livello di discriminazione subito dall’istruzione palestinese dentro i confini dello Stato di Israele. Le scuole cristiane sono uno dei pochi spazi indipendenti per la vita politica, culturale ed economica dei palestinesi e i tagli ai finanziamenti statali sono stati interpretati come una mossa politica di Israele per ledere il loro diritto allo studio. (altro…)