Rivoluzione passiva, Colpo di Stato e sovversivismo reazionario nella storia del Brasile

1 Dicembre 2015
12342521_1066412293389075_3762863498971628588_n
Redazione

Rivoluzione passiva, Colpo di Stato e sovversivismo reazionario nella storia del BrasileCiclo di seminari Gramsci nel mondo è il titolo di un seminario che si svolgerà Mercoledì 16 dicembre nell’aula magna via Sant’Ignazio 78 a Cagliari, organizzato dal Laboratorio di studi internazionali gramsciani condotto dal prof. Anderson Deo del Dipartimento di Scienze politiche ed economiche della Universidade Estadual Paulista di Marília (SP/Brasil) con introduzione del prof. Gianni Fresu. Seminario organnizzato in collaborazione con l’associazione culturale Antonio Gramsci di Cagliari e la Biblioteca popolare Albero del riccio.

La relazione intende soffermarsi sulle peculiarità della rivoluzione borghese in Brasile, chiarendo come il processo di oggettivazione del capitalismo nazionale rifletta una forma specifica di dominio che concretamente riproduce una forma a sua volta specifica di “Rivoluzione passiva”. L’ipotesi avanzata interpreta la rivoluzione brasiliana come un lungo processo di modernizzazione conservatrice, dove le trasformazioni storiche furono (e sono) il frutto di una composizione passiva tra storicamente vecchio e storicamente nuovo. Il contenuto ideologico di questa modernizzazione si manifesta nell’obiettivo teso a manterere la forza lavoro in una condizione di subalternità, nella tendenza ciclica al “sovversivismo reazionario” e quindi nella permanente riproduzione di alcuni suoi tratti originari di matrice colonial-bonapartista. Le categorie gramsciane e di Lukács sono punti di riferimento teorico essenziali di questa lettura.

Scrivi un commento


Ciascun commento potrà avere una lunghezza massima di 1500 battute.
Non sono ammessi commenti consecutivi.


caratteri disponibili


----------------------------------------------------------------------------------------
ALTRI ARTICOLI