La “fusione perfetta” sardo leghista

1 Giugno 2019
[Massimo Dadea]

Un Presidente, una giunta, una maggioranza a “sovranità” limitata. Questo è il governo regionale sardo-leghista. Una compagine raccogliticcia, tenuta insieme da un unico collante: il potere o meglio la gestione del potere. La dottrina Salvini, attraverso il suo plenipotenziario, inizia a prendere forma, sostanza. Il riferimento non è agli atti di governo, alla attuazione di un programma velleitario quanto confuso – quelli ancora non li ha visti nessuno, e forse è ancora troppo presto – ma a qualcosa di più concreto e prosaico, e sopratutto immediatamente esigibile. Qualche esempio. Prendiamo gli uffici di gabinetto. Alla Presidenza è stato nominato, pare su indicazione della Lega nazionale, un magistrato fuori ruolo del TAR del Lazio. All’assessorato dei trasporti, pare sempre su indicazione della Lega nazionale, un consulente del lavoro di Como. Al Personale, un giovane lombardo il cui curriculum vitae è ricco, si fa per dire, di una importante presenza nella segreteria particolare dell’ Assessore all’Economia, Crescita e Semplificazione della regione Lombardia e di una altrettanto importante collaborazione presso la Presidenza del Consiglio regionale. Una colonizzazione, quella lombarda, che sembra richiamare quella  ben più pesante della corte sabauda. Sembra profilarsi una sorta di nuova “fusione”, solo che questa volta l’annessione viene portata avanti, con uguale voracità, non dai piemontesi ma dai lumbard. Il 20 dicembre del 1847 Carlo Alberto firmò il decreto legge sulla “fusione perfetta”. Nell’arco di poco più di un mese si poneva fine al Regnum Sardiniae e con esso ogni forma residuale di sovranità e di autonomia statuale dell’isola. Sono trascorsi pochi mesi dall’insediamento della giunta sardo-leghista e la Sardegna sembra aver perso non solo la sua sovranità, la sua autonomia speciale, ma la sua stessa dignità.

Scrivi un commento


Ciascun commento potrà avere una lunghezza massima di 1500 battute.
Non sono ammessi commenti consecutivi.


caratteri disponibili


----------------------------------------------------------------------------------------
ALTRI ARTICOLI