Salvezza a zero ore

1 Luglio 2012

Logo circoli del manifesto

manifesto sardo

Da ‘il manifesto’ del 26 giugno 2012 la notizia attesa. Ora rimbocchiamoci le maniche. Appuntamento dei ‘circoli del manifesto’ il 7 luglio prossimo a Bologna. Ci saremo anche noi.

Firmato l’accordo, il manifesto ricomincia da 36
Ci abbiamo sempre creduto, abbiamo ogni giorno lavorato per raggiungere questo risultato e ieri finalmente abbiamo firmato: dimezzati ma vivi. Il manifesto non chiude. E ora possiamo pensare a come ricomprarci la testata. Trentasei, tra giornalisti e poligrafici, saranno al lavoro e 34 in cassa integrazione a rotazione. Al ministero del lavoro, abbiamo raggiunto un accordo che scongiura l’interruzione delle pubblicazioni. Un buon risultato anche se durissimo perché costringe il collettivo a grandi sacrifici (parlano i numeri) per rispettare condizioni molto pesanti nella gestione corrente dei bilanci.
Ci siamo riusciti per l’ascolto e il rispetto che il ministero dello sviluppo economico e quello del Lavoro hanno riservato ai quarant’anni di storia della nostra testata, per la collaborazione serrata con i commissari liquidatori, per l’apporto di Fnsi e Cgil, per l’impegno forte della squadra che ha affrontato la Liquidazione amministrativa lavorando in via Bargoni , per la solidarietà fattiva dei collaboratori che hanno continuato a scrivere gratuitamente dall’Italia e dal mondo.
Ma non ce l’avremmo fatta senza il rinnovato amore con i nostri antichi lettori-sostenitori che abbiamo ritrovato vicini, con i circoli manifestini, con chi neppure sapevamo di avere accanto. Voi ci aiutate a camminare, spingete i nostri passi su una strada che così ripida non avevamo ancora conosciuto.
Lo fate con affetto, ma anche con sollecitazioni, critiche, consigli per migliorare le sedici pagine, i supplementi culturali, il sito. Facile a dirsi, più complicato tradurlo in concreto.
Le eresie sono frutto di maturazioni lente e profonde, come lo fu quella del manifesto nel ’69. Oggi una casa madre da cui separarsi non c’è e il paesaggio è popolato da partiti in coma (forse reversibile, forse no).
E immaginare una sinistra unitaria ma plurale, popolare ma alternativa chiama a un doppio lavoro: prima di costruire bisogna sgombrare il campo dalle macerie e magari capire che c’è poco da riciclare. Il governo Monti aiuta: le sue ricette su pensioni e lavoro sono uno spartiacque per ridefinire il campo della sinistra. Che in Italia ha distrutto anche la parola. Un quotidiano come il manifesto è uno strumento culturale privilegiato per coltivare l’ambizione di un rinascimento politico.

2 Commenti a “Salvezza a zero ore”

  1. Lilli Pruna scrive:

    Evviva. Auguri alla sinistra che resiste.

  2. Piera Biancini scrive:

    Mi associo a Lilli Pruna con un evviva alla sinistra che resiste.

Scrivi un commento


Ciascun commento potrà avere una lunghezza massima di 1500 battute.
Non sono ammessi commenti consecutivi.


caratteri disponibili


----------------------------------------------------------------------------------------
ALTRI ARTICOLI