Energit: la lotta continua

1 novembre 2012
Giuliana Perrotti
Sono passati quindici giorni dalla “puntata precedente”, e poco è cambiato nella situazione dei dipendenti di Energit, costretti ancora all’attesa.
In realtà qualche novità c’è, non buona purtroppo. Il 19 ottobre sono scaduti i termini per la mobilità e in un incontro con l’Assessore Provinciale al Lavoro Lorena Cordeddu, l’azienda ha cercato di “giocarsi il jolly”. Ha proposto un incentivo economico in cambio dell’esodo volontario e della firma della liberatoria che permettesse loro di vendere a terzi il parco clienti (la cosiddetta customer base), svincolandosi dall’obbligo di mantenere l’occupazione di noi lavoratori. Cornuti e mazziati, insomma. Al rifiuto delle organizzazioni sindacali di firmare un tale accordo, l’azienda si è detta addirittura stupita del perché non avessimo voluto accettarlo. Lascio a voi immaginare i nostri commenti. In ogni caso il management ha a quel punto dichiarato di voler procedere dal giorno dopo con l’invio delle lettere di licenziamento.
L’interessamento delle istituzioni (Regione e Provincia) e degli organismi nazionali delle organizzazioni sindacali, ha portato alla convocazione di un tavolo al Ministero dello Sviluppo Economico il prossimo 9 novembre, al quale sono stati convocati i massimi vertici aziendali. Ciò che noi auspichiamo è che Alpiq mostri maggiore rispetto per le istituzioni di quanto ha fatto finora, dica chiaramente quali sono i suoi reali scopi e si dimostri disponibile ad ascoltare le nostre ragioni. Nessuno vuole interferire con la loro decisione di uscire da un mercato, quello cosiddetto retail, che ritengono non profittevole, ciò che chiediamo, e per cui vogliamo il loro impegno al tavolo ministeriale, è che, come detto in una lettera aperta dei lavoratori al CEO di Alpiq Hans Schweickardt, “Alpiq venda Energit ad uno dei numerosi soggetti interessati all’acquisto. In questo modo raggiungeremo entrambi i nostri obiettivi: quello vostro di uscire dal mercato retail italiano entro l’anno e quello nostro di mantenere il posto di lavoro.”
La lotta continua.

Scrivi un commento


Ciascun commento potrà avere una lunghezza massima di 1500 battute.
Non sono ammessi commenti consecutivi.


caratteri disponibili


----------------------------------------------------------------------------------------
ALTRI ARTICOLI