Archivio della Categoria 'Recensioni'

Leo nei meandri della psicanalisi nell’era del web

domenica 16 luglio 2017
Claudia Zuncheddu

Leo, il romanzo di Daniela Piras, giovane scrittrice sarda, si fa amare per la freschezza con cui, raccontando una storia di ordinaria amministrazione, stimola riflessioni sulla metamorfosi comportamentale dei giovani nell’era del web. L’argomento è facile preda della psicanalisi. (altro…)

L’omeopata. Un romanzo di storia e umanità

domenica 16 luglio 2017
Ottavio Olita

Le gerarchie ecclesiastiche sarde in lotta contro ogni istanza liberale che cominciava ad affacciarsi in Sardegna, in Italia e in Europa; il forte impegno di sparuti idealisti che si riunivano intorno a Giorgio Asproni, Siotto Pintor, Giovanni Battista Tuveri; gli assassinii perpetrati nel nome del ‘bene’; le ambiguità e i doppi giochi dei Savoia e dei loro ministri. Tutto questo fa parte del bel libro “L’omeopata” (Il Maestrale editore), primo romanzo di Massimo Dadea. (altro…)

Uno sguardo al passato indispensabile per presente e futuro

sabato 1 luglio 2017

 

Ottavio Olita

Il rapporto con la morte, la funzione sociale ed educativa degli anziani, la trasformazione dei rapporti interpersonali con l’arrivo della prima industrializzazione del centro Sardegna, ma soprattutto la dimensione umana di tante comunità che negli ultimi 40 anni hanno subito enormi trasformazioni. In meglio? In peggio? (altro…)

Compagno T. Lettere a un comunista sardo

sabato 1 luglio 2017
Francesco Casula

Prima di entrare, per così dire, in medias res, ovvero nel merito del pamflet storico-politico di Cristiano Sabino, due rapide osservazioni sul versante più specificatamente formale: (altro…)

Distopicalittico

venerdì 30 giugno 2017
Emiliano Manca

Da diversi anni, ormai, siamo abituati a riflettere sugli sviluppi di importanti settori della comunicazione ed espressione creativa in Sardegna, come musica, letteratura o cinema, dall’angolo visuale dell’individuazione di specifici tratti identitari. Si fa allora un gran parlare di cinema sardo, musica leggera sarda, teatro sardo, letteratura sarda e così via. Mi pare, tuttavia, che un simile punto di vista abbia un’implicazione della quale non sempre chi lo assume si mostra consapevole. (altro…)

Il compagno T. è un libro che fa domande

martedì 16 maggio 2017
Cassandra Casagrande

Ho letto Compagno T. -lettera a un comunista sardo, libro scritto da Cristiano Sabino e acquistato, lo scrivo senza timore, senza troppe aspettative. (altro…)

L’Accabadora e la tragedia della guerra: il cinema come strumento di una cultura umanitaria

lunedì 1 maggio 2017
Aldo Lotta

Le rovine di Cagliari nel 1943: uno scenario contingente ma tragicamente attuale e universale che evoca le immani conseguenze, materiali e psicologiche, della guerra (altro…)

Suicidio di mafia o di Stato?

giovedì 27 aprile 2017
Ottavio Olita

Il 12 febbraio 2004 Attilio Manca, brillante urologo che per primo sta sperimentando interventi sulla prostata in laparoscopia, 34 anni, siciliano di Barcellona Pozzo di Gotto, viene trovato morto nella sua abitazione di Viterbo. La scoperta viene fatta da due carissimi amici del giovane, un uomo e una donna, con i quali lavora nell’ospedale della città laziale, preoccupati per la sua incomprensibile assenza e per il suo silenzio. Il corpo è riverso sul letto, prono, seminudo, privo dei boxer. (altro…)

Carlo Felice e i tiranni Sabaudi: un libro da scoprire per scoprire se stessi

martedì 3 gennaio 2017
Giuseppe Melis

I Sardi hanno idea di chi sia stato Carlo Felice? E hanno idea di cosa abbiano fatto i Savoia nel corso delle loro dominazioni? A giudicare dai comportamenti dei più si evince che la maggior parte delle persone che abitano l’Isola non ha una idea precisa su questa parte della storia di Sardegna e, quando ce l’ha, forse è persino sbagliata. (altro…)

Noi, potenziali Daniel Blake

martedì 1 novembre 2016
i-daniel-blake-2016-ken-loach-04
Eva Garau

“Stiamo assistendo alla demonizzazione delle persone più vulnerabili nella nostra società”. Ken Loach lo ripete come un mantra, con l’espressione calma in cui la rabbia è velata da quell’understatement che da sempre lo caratterizza (altro…)

Contorni: A proposito di beni culturali

giovedì 1 settembre 2016
vertigini_n
Giulio Angioni

Ciò che oggi si dice beni culturali ingloba nozioni come memoria, storia e identità e si esplica in politiche del patrimonio culturale o della memoria storica, intese anche al servizio dello sviluppo locale, dove per sviluppo non si intenda solo quello economico. (altro…)

Volti della politica nel Mediterraneo

lunedì 1 agosto 2016
08-LOCCI
Salvatore Santuccio

Volti della politica. Protagonisti nel Mediterraneo tra Ottocento e Novecento, a cura di Emanuela Locci inaugura la collana Storia e Società dell’Editore Bastogi in modo lungimirante, la curatrice in particolare mette da subito l’accento su tematiche di estrema attualità pur partendo da saggi e periodi storici differenti ma che vedono nelle politiche degli Stati che si affacciano nel Mediterraneo la sua ragion d’essere (altro…)

Leopardi e la luna di Gianni Mascia

domenica 1 maggio 2016
6438
Maurizio Ciotola

Forse è il vento di questa Cagliari inquieta, ma sempre statica, che ha condotto il “maestro”, allora poeta in nuce, sulle vette andine di quel Perù febbricitante degli anni ottanta, ove ha atteso il vento del ritorno per esser riportato qua dove gli odori della nostra terra lo attendevano, in attesa di aprirsi alla sua poesia (altro…)

I viaggiatori italiani e stranieri in Sardegna

lunedì 16 novembre 2015
jHwiO3O7RBbu-ZkkkhE63lrhxMeAXjsPOU7DD8nGvUA,oBjzgmqcU7G_Q5sZgo1pQsc5urx4-3GdI1321ipv8g0
Bastiana Madau

I sardi raccontati da chi li osserva dall’esterno, dagli “altri”, i non-sardi. Una prospettiva che a suo tempo appassionò Sergio Atzeni, attratto dallo studio delle “fole”, che lo scrittore provò a smontare in un libro uscito postumo con un titolo di presentazione programmatica: Raccontar fole (Sellerio, 1999). Interessante la lettera che presentava il testo al suo primo destinatario, l’allora direttore de “L’Unione Sarda” Massimo Loche (altro…)

L’arte della guerra

venerdì 16 ottobre 2015
dinucci-cover.indd
Daniele Barbieri

Pubblichiamo la recensione del libro Manlio Dinucci «L’arte della guerra: annali della strategia Usa/Nato (1990-2015)»: un libro che purtroppo dovremo prendere sul serio se non vogliamo restar ciechi (Red)
(altro…)

Una semplice formalità

martedì 1 settembre 2015
Cover_ebook_USF
Carla Locci

Vincitore della terza edizione del premio letterario “Città di Dolianova”, Una semplice formalità di Giuseppe Masala è un racconto lungo, un romanzo breve o, come l’autore ama definirlo, un “romanzello”. Pubblicato dalla casa editrice digitale Regina Zabo in collaborazione con lo Studio editoriale Typos; ambientato tra Logudoro e Goceano nel 1820, alla vigilia dell’editto delle chiudende. (altro…)

Un anno di banalità

sabato 1 agosto 2015
UADB
Ambra Floris

Un percorso pop fatto di Funk, Jazz e World Music, un concept album che parte dalla Sardegna per arrivare fino al Sud America, e ritorno. (altro…)

Il conte Ugolino, romanzo storico al confine tra storia e fantasia

giovedì 16 luglio 2015
Il conte Ugolino e Ruggieri © Fabrica
Carla Locci

Tutti conosciamo il conte Ugolino attraverso il XXIII canto della Divina Commedia, consegnato all’immaginario collettivo da Dante, mentre morde il cranio dell’arcivescovo Ruggieri. In pochi invece sanno chi effettivamente fosse questo personaggio, Cristiano Niedojadko giovane avvocato nato e cresciuto a Iglesias, affascinato dalla storia medievale della sua città, si è soffermato a riflettere sull’uomo che ha fatto nascere questa leggenda, sulla sua vita e sul suo rapporto con la città di Pisa e di Iglesias. (altro…)

Ancora Sulla faccia della terra

martedì 16 giugno 2015
th
Bastiana Madau
Nel 1985, durante la presentazione della raccolta di racconti di Giulio Angioni Sardonica all’Istituto Orientale di Napoli, Grazia Cherchi ebbe a dire che uno dei motivi d’interesse suscitati dalla lettura dell’opera dello scrittore e antropologo è il fatto che egli mai si occupa di «personalissimi, particolarissimi tormenti […], dei suoi, per dirla con Vittorini, “astratti furori”, ma di “sondare il tempo”, e questo dovrebbe essere il compito della narrativa».

(altro…)