Il numero 270

16 ottobre 2018

Sarebbe ora di cambiare registro per evitare le calamità innaturali (Stefano Deliperi) Stato di agitazione permanente (Giacomo Cossu), Capoterra. Un’altra lezione (Pensando a Tamara) (Sandro Roggio), Cuore di gomma (Graziano Pintori), Turchia e dintorni. Atatürk massone, si o no? (Emanuela Locci), I guasti dei movimenti ciclici del capitalismo (Gianfranco Sabattini), “Ma come fanno gli operai” di Loris Campetti. Realtà del lavoro operaio e orientamenti politici e culturali nell’Italia di oggi (Marco Sini), Discontinuità territoriale (Antonio Muscas), Una lettera aperta all’assessore al Bilancio Paci (Claudia Zuncheddu), Casteddu de Susu e i suoi flashmob (Alessandro Mongili), Una società senza carceri (Gavinu Dettori), Ciao Bia, continueremo le tue battaglie (Roberto Loddo), Le 50 primavere di Praga (Gianfranca Fois).

Buona lettura,

Scrivi un commento


Ciascun commento potrà avere una lunghezza massima di 1500 battute.
Non sono ammessi commenti consecutivi.


caratteri disponibili


----------------------------------------------------------------------------------------
ALTRI ARTICOLI