Turchia e dintorni. Erdoğan versus Kaftancioğlu

1 Ottobre 2019
[Emanuela Locci]

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan colpisce ancora duramente l’opposizione, questa volta la vittima designata è la quarantasettenne Canan Kaftancioğlu, leader del Chp, nonché presidente della provincia di Istanbul e braccio destro del neo sindaco di Istanbul Ekrem Imamoğlu, che ricordiamo, dopo la prima vittoria alle elezioni comunali del marzo scorso, ha dovuto ripetere il voto dopo l’annullamento della tornata elettorale.

Al secondo appuntamento elettorale ha vinto di nuovo attestandosi al 54,21% delle preferenze e pare che la stratega della sua campagna elettorale sia stata proprio la compagna di partito. La Kaftancioğlu, che di professione è medico, è stata condannata a nove anni e otto mesi di reclusione per aver condiviso o pubblicato alcuni tweet contro il presidente turco. I 35 tweet incriminati pubblicati tra il 2012 e il 2017 riguardavano sia il tentato golpe del 2016, sia le proteste di Gazi Park. L’esponente del Chp non ha mai contestato la veridicità delle sue azioni ma ha sempre rivendicato la sua libertà di espressione politica. Tra i reati contestati vi è quello di offesa al presidente della repubblica e di propaganda terroristica, reati tristemente noti tra gli oppositori turchi.

La Kaftancioğlu dopo aver ascoltato la sentenza è uscita dal tribunale, dove l’aspettavano centinaia di persone che manifestavano in suo favore, e ha dichiarato: “Credono di poterci intimidire, ma noi continueremo a parlare. È evidente che le decisioni non vengono prese nelle aule dei tribunali, ma nel palazzo presidenziale. Questo processo a mio carico ha lo scopo di punire tutte le persone che hanno fatto vincere il popolo di Istanbul”.

I massimi dirigenti del Chp sono molto chiari nei loro commenti, secondo i vertici del più importante partito di opposizione la condanna non è altro che una vendetta per “il danno di immagine che una donna ha inflitto al presidente”, quindi si inserisce nel dibattito anche un’altra chiave di lettura: la discriminazione di genere.

Il piano di Erdoğan per stroncare l’opposizione è davanti agli occhi di tutti (di quanti vogliono vedere), dopo le ultime elezioni ha stabilito la rimozione di tre sindaci curdi eletti nelle fila del Hdp, con l’accusa di essere collegati ai terroristi curdi. I sindaci sono stati sostituiti nelle loro funzioni da commissari governativi.

Del resto i curdi sanno già cosa può fare Erdoğan considerato che il leader del partito filo curdo Hdp, Selahattin Demirtaş, si trova in carcere da mesi. Il politico curdo rappresentava una minaccia, soprattutto in termini di consensi elettorali, stessa situazione che vive oggi il sindaco Imamoğlu.

Dopo questo fatto, c’è stato l’arresto della presidente della provincia di Istanbul, Canan Kaftancioğlu. L’arresto e la condanna della Kaftancioğlu va vista probabilmente come un attacco, neanche troppo velato, al nuovo sindaco di Istanbul.

La situazione potrebbe aggravarsi nei prossimi mesi, infatti in attesa delle prossime elezioni presidenziali previste per il 2023, sembra che l’ambiente politico non si stia rasserenando. Tutto ciò mentre la comunità internazionale sta a guardare (senza voler vedere).

[Della stessa autrice leggi anche 1) Turchia e dintorni. La nuova Turchia di Erdoğan, 2) Turchia e dintorni. Vivere lo stato di emergenza, 3) Turchia e dintorni. Una donna sfida l’egemonia di Erdoğan, 4) Turchia e dintorni. Osman Kavala il mecenate che disturba Erdoğan, 5) Turchia e dintorni. Ritratto degli eredi politici di Atatürk 6) Turchia e dintorni. La stretta di Erdoğan sulla libertà di stampa, 7) Turchia e dintorni. Ridere è peccato: la Turchia e le sue donne8) Turchia e dintorni. Quando il ramo d’ulivo non è un segno di pace 9) Turchia e dintorni. Sentirsi in pericolo10) Turchia e dintorni. La morte dello Stato di diritto11) Turchia e dintorni. Cose che accadono dentro e fuori la Turchia 12) Turchia e dintorni. Si perde nella notte dei tempi (prima parte) 13) Turchia e dintorni. Si perde nella notte dei tempi (seconda parte), 14) Turchia e dintorni. Turchia monopartitica?, 15) Turchia e dintorni. Il neo-ottomanesimo, nuova frontiera per la Turchia 16) Turchia e dintorni: Europa e Turchia, la storia infinita, 17) Turchia e dintorni. Come è nata la Turchia moderna? 18) Turchia e dintorni. La Turchia non è Istanbul 19) Turchia e dintorni. Considerazioni sopra le dichiarazioni di un ambasciatore20) Turchia e dintorni. Gli armeni nella storia turca 21) Turchia e dintorni. Le madri del sabato 22) Turchia e dintorni. AKP, genesi e sviluppo di un partito 23) Turchia e dintorni. Origini del nazionalismo turco 24) Turchia e dintorni. Atatürk massone, si o no? 25) Turchia e dintorni. I molti volti della Turchia 26) Turchia e dintorni. Il movimento Gülen 27) Turchia e dintorni. La crisi economica turca: ieri, oggi e domani 28) Turchia e dintorni. Ergenekon, un’indagine sporca 29) Turchia e dintorni. Quando i turchi venivano a lezione dagli italiani 30) Turchia e dintorni. Tansu Çiller, la lady di ferro turca  31) Turchia e dintorni. Essere omosessuale nella Turchia di Erdoğan 32) Turchia e dintorni. Il ruolo dei militari 33) Turchia e dintorni. Nuovo giro, nuova corsa 34) Turchia e dintorni. Abdülhamid II, il sultano califfo 35) Turchia e dintorni: “Chi vince Istanbul vince la Turchia, chi vince Istanbul vince tutto” 36) Turchia e dintorni. Il lungo cammino dei diritti umani 37) Turchia e dintorni. Prove tecniche di dittatura 38) Turchia e dintorni. 19 maggio, festa nazionale 39) Turchia e dintorni. Il Sindaco di Istanbul 40) Turchia e dintorni. La NATO e i missili 41) La Turchia e gli altri attori internazionali in Libia 42) Turchia e dintorni: La Turchia e gli altri attori internazionali in Libia 43) Turchia e dintorni. I 17 anni del potere di Erdoğan].

Scrivi un commento


Ciascun commento potrà avere una lunghezza massima di 1500 battute.
Non sono ammessi commenti consecutivi.


caratteri disponibili


----------------------------------------------------------------------------------------
ALTRI ARTICOLI